Archivio Carni

Fuori dalla regione tutti la chiamano “fiorentina”, per i toscani ha un nome solo: bistecca, ricavata dalla razza bovina autoctona della Val di Chiana. Un vero e proprio marchio di fabbrica della toscanità.

Può essere domestica e selvatica ed entrambe arrivano a tavola. Fra le domestiche, dette anche mute, quelle che rendono meglio in cucina sono l’anatra autunnale, grande, grassa, con carne dal sapore deciso, e l’anatra primaverile, più piccola, dalla carne più tenera e con il sapore più delicato.

Chiudi
Editoriale Domus