Archivio Piante odorose e aromatiche

Passata la fioritura del ciliegio, ci sono due piante che si contendono il colpo d’occhio più suggestivo tra il verde delle foglie: robinia e sambuco. La prima è quello che tutti sono abituati a chiamare acacia, appellativo derivato dal suo nome scientifico: Robinia pseudoacacia. Pianta colonizzatrice la robinia, importata e invasiva, dai mille pregi e dai […]

Il tiglio arrivò in Italia con i Cimbri. Oggi caratterizza i vialoni di molte città ed è conosciuto soprattutto per il miele che produce e per il suo utilizzo in erboristeria. Storia Arrivarono nel II secolo a.C. i Cimbri in Italia, allo scopo di conquistarla. La loro impresa però si infranse contro la difesa dell’esercito […]

La liquirizia calabrese è tra le più note. Proprio in Calabria, le condizioni ottimali di sviluppo hanno permesso a questa preziosa radice di ricevere nel 2011 il riconoscimento della DOP. Storia I rametti di liquirizia venivano consumati già dagli abitanti della Mesopotamia, da quelli dell’antico Egitto, dai greci e dai romani. A quei tempi il commercio della radice […]

L’utilizzo dell’alloro per creare la corona di laurea non è un caso: il nome stesso laurea deriva proprio dal nome latino di questa pianta, Laurus nobilis. Perché la stessa corona si usava come riconoscimento nell’antica Roma per poeti e saggi, ma anche a imperatori e consoli. Un segno distintivo inequivocabile. Storia L’alloro è una pianta sempreverde […]

Dimenticate il pesce azzurro, le noci, l’olio di semi di lino, le alghe. Se volete davvero fare il pieno di acidi grassi omega-3 è per terra che dovete guardare, nei campi coltivati, dove cresce un’infestante preziosissima per il nostro organismo: la portulaca. La famiglia è quella delle Portulacaceae e il nome pare derivi dal latino […]

Storia La storia della manna si perde nella notte dei tempi. La troviamo citata anche nella Bibbia, nel famoso episodio in cui il popolo d’Israele, guidato da Mosè fuori dall’Egitto, riesce a sfamarsi nel mezzo del deserto proprio grazie alla manna. Anche greci e romani la conoscevano molto bene, con il nome di miele di […]

Storia Le foglie di coca sono da sempre utilizzate in Sud America, anche se in passato il loro consumo era relegato ai re, ai sacerdoti e alle persone ricche e importanti, e solo in precise occasioni. Fu grazie agli spagnoli, specie nei primi anni di conquista, se il loro consumo si diffuse in Europa. Oggi […]

Il mirto è un arbusto aromatico tipico della macchia mediterranea e molto facile da trovare in Sardegna. In realtà è diffuso lungo le coste un po’ in tutto il sud dell’Italia, ma trova nell’isola la sua patria di elezione.

Il peperoncino è una delle spezie più estreme che troviamo in commercio. Gioia per molti, fuggito da altri. Sempre di un peperone si tratta, della specie Capsicum annuum, ma se viene commercializzato come peperoncino, nella sua accezione diminutiva, ha una caratteristica fondamentale: la piccantezza. Storia Le sue origini sono americane, e arriva in Europa dopo […]

Il nome dei coriandoli che invadono le nostre strade durante il Carnevale deriva dal fatto che un tempo dai carri di carnevale si lanciavano proprio i semi del coriandolo, ricoperti di zucchero colorato.

Difficile in realtà riassumere tutta la varietà botanica che si nasconde dietro a questo termine. Perché non esiste "la" menta, esistono piuttosto diverse specie che prendono questo nome in giro per il mondo, utilizzate per diverse preparazioni secondo gli usi e i gusti locali.

La Salvia officinalis appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Si tratta quindi di una pianta che è cugina di altre piante officinali come la menta e il timo. Le dimensioni sono abbastanza contenute, anche perché alle volte assume un portamento quasi strisciante.

Chiudi
Editoriale Domus