Coca

Storia

Le foglie di coca sono da sempre utilizzate in Sud America, anche se in passato il loro consumo era relegato ai re, ai sacerdoti e alle persone ricche e importanti, e solo in precise occasioni. Fu grazie agli spagnoli, specie nei primi anni di conquista, se il loro consumo si diffuse in Europa. Oggi la produzione mondiale si attesta al di sopra delle 200.000 tonnellate, anche se si tratta solo di stime.

Caratteristiche

Le foglie di coca derivano principalmente da una pianta della zona delle Ande: l’Erythroxylum coca. Si tratta di un arbusto con foglie lanceolate, fiori gialli e piccoli frutti che a maturità diventano di colore rosso scarlatto. La sua coltivazione è diffusa soprattutto in Perù e Colombia, in piccolissima parte per scopi farmacologici, nella maggior parte per alimentare il traffico della droga nei paesi esteri. Il consumo interno, a differenza di quanto si è soliti credere, è molto basso.

Proprietà

Le foglie di coca contengono un alcaloide molto famoso: la cocaina. La sua percentuale nelle foglie varia molto a seconda della zona di coltivazione e delle condizioni climatiche durante la crescita. La cocaina è uno psicostimolante. Per questo le foglie di coca erano e sono masticate dagli abitanti delle zone di produzione come aiuto per sopportare la fame, la fatica e i disturbi dovuti all’altitudine, oltre che come blando anestetico.

Impieghi

In Perù, oltre che in altri paesi dell’America latina, vengono utilizzate per preparare il Mate de coca, un infuso fatto con foglie di coca. Ne deriva una bevanda stimolante dal basso contenuto in cocaina, paragonabile al te o al caffè come effetto sul nostro organismo. Diversi tentativi sono stati fatti di utilizzo di questo infuso in cucina, non ultimo la preparazione di un risotto.

La coca dà anche il nome a una delle bevande più famose dei nostri tempi, che un tempo era prodotta proprio utilizzando le foglie di coca e le noci di cola. Dai primi anni del ‘900 fu però eliminato il contenuto in cocaina.

Suggerimenti

Le foglie di coca sono illegali in gran parte del mondo, a parte i paesi produttori, come Colombia, Perù, Bolivia, Argentina ed Ecuador. Il consumo di cocaina è illegale e nocivo per la salute umana.



Commento

This post was last modified by Sara Viterbi on 22 gennaio 2016.

  • 22 gennaio 2016 @ 10:29:53
  • 22 gennaio 2016 @ 10:29:31 [Salvataggio automatico]
  • 20 gennaio 2016 @ 12:35:46

This post was created by Il Cucchiaio d'Argento on 20 gennaio 2016.

Chiudi
Editoriale Domus