Origano

Gioia della montagna: questo il significato del nome latino dell’origano. Deriva infatti dall’unione delle due parole greche oros (montagna) e ganos (ornamento), che in latino diventa origanum.

Storia

Ne parla già Virgilio, che fa ospitare Ascanio da parte di Venere proprio su un letto di origano. L’origano veniva considerato nell’antichità un simbolo di felicità e per questo veniva usato per creare corone con cui cingere il capo dei novelli sposi. Il riferimento alla montagna è invece dovuto al fatto che l’origano esprimeva la sua massima bellezza quando cresceva sulle pendici delle colline o delle montagne dell’antica Grecia.

L’origano è originario del Medio Oriente. Arriva in Grecia grazie ad Alessandro Magno dopo la conquista della Macedonia e da lì si sposta anche a Roma, dove viene ben presto apprezzato dai nostri antenati latini.

Caratteristiche

Oggi la sua distribuzione è concentrata nell’area del Mediterraneo, con il primato della Turchia, maggior produttore ed esportatore a livello mondiale, seguita dall’Albania. Da noi in Italia è diffuso soprattutto nelle regioni del Sud, tanto che la Regione Sicilia l’ha voluto far riconoscere come prodotto tipico. Oggi è inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

L’Origanum vulgare fa parte della  famiglia delle Labiatae. Si tratta di una pianta eretta, alta fino a un massimo di 60 cm, che cresce nelle boscaglie asciutte e nei prati aridi praticamente in tutta Italia. Fiorisce da giugno a settembre, con i fiori riuniti in dense pannocchie arrotondate, di un tipico colore bianco o rosa. È una delle poche piante che conserva il suo aroma anche da secca, per questo viene raccolta e messa ad essiccare a testa in giù, in modo da creare una scorta per tutto l’inverno e la primavera successiva.

Proprietà

In erboristeria viene consigliato per dare sollievo a disturbi digestivi, problemi respiratori e dolori muscolari, sia sotto forma di infusi che di inalazioni, mentre per problemi quali il torcicollo si fa ricorso all’olio essenziale.

Impieghi

In cucina dell’origano si usa tutta la pianta, ma in particolar modo le foglie e le sommità fiorite. Uno dei suoi abbinamenti principe è con il pomodoro in tutte le sue versioni e con la pizza. Lo si utilizza anche per aromatizzare arrosti di carne, ma anche sul pesce, sulla verdura, sulle focacce, sui funghi. Può sostituire il timo nelle ricette che lo prevedono, permettendo alla ricetta di guadagnarne in sapore. Viene utilizzato anche all’estero per numerosi piatti: in Ungheria nel gulash, in Polonia nel barszcz, la meravigliosa zuppa di barbabietole rosse, in Grecia sui suvlakia di capretto.

Ricette

Focaccia pomodori e origano

Girelle salate al pomodoro e origano



Commento

This post was last modified by Sara Viterbi on 19 gennaio 2016.

  • 18 dicembre 2015 @ 12:14:39
  • 10 dicembre 2015 @ 12:09:01
  • 10 dicembre 2015 @ 12:08:58 [Salvataggio automatico]
  • 4 dicembre 2015 @ 14:42:41
  • 4 dicembre 2015 @ 14:42:36 [Salvataggio automatico]
  • 30 novembre 2015 @ 12:46:22
  • 29 settembre 2015 @ 15:41:04

This post was created by Il Cucchiaio d'Argento on 29 settembre 2015.

Chiudi
Editoriale Domus