Spinaci

Gli spinaci sono un ortaggio fra i più diffusi nelle famiglie italiane e che si presta a diversi utilizzi, oltre che a diversi metodi di conservazione.

Storia

Da noi in Italia è arrivato attorno all’anno 1000, direttamente dalla Spagna dove era stato diffuso dagli arabi o dai crociati, a seconda delle versioni. L’origine più probabile, anche se se ne sta ancora discutendo, è persiana. La sua coltivazione si diffonde solamente a partire dal quattordicesimo secolo, in particolar modo in Toscana, negli orti delle suore Benedettine. Si narra che fossero molto amati da Caterina de’ Medici, tanto che, alla sua partenza per la Francia dove sarebbe diventata moglie del futuro re Enrico II, portò con sé alcuni cuochi di corte per assicurarsi di avere sempre a disposizione sulla tavola gli amati spinaci. Sembra derivare da qui il detto tutto francese à la florentine, riferito alle pietanze servite su un letto di spinaci.

Caratteristiche

Lo spinacio fa parte della famiglia delle Chenopodiaceae. Il suo nome ufficiale, nella nomenclatura binomiale, è Spinacia oleracea. Le ipotesi sulle sue origini sono diverse: alcuni sostengono derivi dal latino spina, per via del suo frutto spinoso, altri invece lo fanno discendere dall’arabo aspanakh oppure dallo spagnolo espinaca. Comunque sia si tratta di una pianta erbacea annuale di piccole dimensioni, con foglie carnose dotate di un picciolo lungo dai 5 ai 10 centimetri e lembo di 10-20 centimetri. Quest’ultimo può essere principalmente di due tipi: liscio o bolloso. I fiori sono molto piccoli, di colore verde, il frutto è un achenio contenente un solo seme.

Proprietà

La grande fama degli spinaci in passato pare essere dovuta a un errore di battitura, quando uno scienziato, presumibilmente tedesco, dimenticò una virgola e aumentò di 10 volte il contenuto in ferro di questa verdura. La quantità di ferro è comunque abbastanza alta, anche se in realtà si tratta di ferro difficilmente assorbibile da parte del nostro organismo a causa dell’altra presenza di fitati, che lo trattengono. Si tratta comunque di una delle verdure più salutari che abbiamo a disposizione, per la presenza di numerose vitamine, in particolare la C, ma anche di acido folico e di carotenoidi. Per questo sono indicati per la salute dei nostri occhi, per prevenire patologie all’apparato cardiocircolatorio, oltre che per le gestanti. Pur essendo più comoda la cottura in acqua, il consiglio degli esperti per mantenere intatte tutte le proprietà positive degli spinaci è quello di mangiarli crudi, oppure di scottarli senza l’utilizzo di acqua, visto che ne contengono già in abbondanza. Per l’utilizzo in cucina basta un po’ di fantasia.

Impieghi

La sua grande propensione alla surgelazione senza perdere di sapore l’ha fatto diventare nel tempo uno dei prodotti di punta dell’industria conserviera. In realtà dello spinacio esistono diverse cultivar, destinate ad usi diversi. Ci sono quelli piccoli e con foglie liscie, destinati per lo più ad essere mangiati crudi, in insalata; ci sono poi quelli con foglie molto sottili, difficili da trovare sul mercato perché coltivati per la produzione di surgelati; per finire ci sono quelli con foglie più coriacee e bollose, che sono invece destinate al consumo fresco solo a seguito di una cottura. Per la verità, negli ultimi anni, si stanno sempre di più diffondendo le varietà a foglia liscia anche per la cottura casalinga, perché più facili da lavare e pulire dai residui di terra e sabbia. Si tratta di una verdura che si può trovare quasi tutto l’anno, anche se il picco di produzione si ha fra l’autunno e l’inverno, con semine che vanno dalla fine dell’estate all’inizio dell’autunno.

Ricette

Rotolo di spinaci

Crepes ricotta e spinaci

Torta greca spinaci e feta

Pesto di spinaci

Agnolotti di spinaci e brasato

Spinaci in padella

Spinaci in tegame con la pancetta

Porcini fontina e spinaci

Spinaci alla fontina

Crema di spinaci alle vongole



Commento

This post was last modified by Sara Viterbi on 19 gennaio 2016.

  • 18 dicembre 2015 @ 12:43:50
  • 10 dicembre 2015 @ 12:38:46 [Salvataggio automatico]
  • 10 dicembre 2015 @ 12:38:17
  • 3 dicembre 2015 @ 13:11:28
  • 3 dicembre 2015 @ 13:02:36 [Salvataggio automatico]
  • 3 dicembre 2015 @ 12:54:48
  • 30 novembre 2015 @ 12:10:27
  • 30 novembre 2015 @ 12:09:16
  • 29 settembre 2015 @ 15:37:01

This post was created by Il Cucchiaio d'Argento on 29 settembre 2015.

Chiudi
Editoriale Domus