Zucchine

Le zucchine sono ortaggi freschi e giovani, che si prestano bene a moltissime preparazioni. Vanno colte ancora acerbe, prima che raggiungano la maturazione, perché se lo fanno cambiano colore virando verso il giallo e diventano immangiabili: amare, fibrose e ricche di grossi semi.

Caratteristiche

La specie è la Cucurbita pepo, della famiglia delle Cucurbitaceae. È originaria degli altopiani del Messico. La pianta può raggiungere dimensioni ragguardevoli ed è simile a un piccolo cespuglio. Il frutto è una bacca, che può assumere colore e forma diversa a seconda della cultivar utilizzata. Se ne trovano di più o meno lunghe, più tozze, più smilze, alcune addirittura rotonde. Anche il colore cambia, passando da un verde più chiaro a quello più scuro. La polpa però è sempre bianca, soda, e con un piccolo accenno di semi all’interno, che diventano sempre più evidenti con l’aumentare delle dimensioni del frutto. Se ne consumano anche i fiori: quelli maschili, riconoscibili perché sono i primi a formarsi e sono attaccati ad un lungo peduncolo, e quelli femminili, che sono attaccati direttamente a un’estremità del frutto. Le zucchine sono verdure preziose e umili, di cui non esistono varietà celebri legate a particolari territori. Il 95% della produzione consumata in Italia è nazionale, anche quella che si trova sui banchi dei mercati fuori dal periodo di raccolta, che va da aprile/maggio a metà ottobre.

Proprietà

Le zucchine sono apprezzate per il basso valore calorico (10-20 Kcal per 100 gr.) e per l’elevato contenuto di potassio e fosforo. Presentano un contenuto di acqua superiore al 90% e contengono anche le vitamine A e C. La zucchina è di facile digeribilità ed è indicata per chi soffre di malattie gastro-intestinali, ulcera gastro-duodenale, malattie del fegato, obesità e diabete.

Impieghi in cucina

Svariati sono gli usi a cui si presta in cucina, con una piccola accortezza: va consumata fresca, meglio ancora freschissima. Passati i tre/quattro giorni in frigorifero infatti tende ad assumere un caratteristico e poco piacevole gusto amarognolo. Tenuto conto di questo, le zucchine si prestano a numerose preparazioni: ripiene, bollite, saltate in padella, trifolate, fritte. Gastronomicamente è poi impossibile tralasciare i fiori della zucchina. Devono essere raccolti al mattino, perché ancora aperti, mentre nelle ore calde si chiudono. Si gustano ripieni, tritati e cotti insieme alla zucchina, nelle frittate, al forno, o fritti in pastella nelle due versioni salate e dolci, per una merenda golosa, o un fine pasto diverso dal solito.

Ricette



Commento

This post was last modified by Sara Viterbi on 25 agosto 2016.

  • 25 agosto 2016 @ 10:30:58
  • 25 agosto 2016 @ 10:30:37 [Salvataggio automatico]
  • 25 agosto 2016 @ 10:28:47

This post was created by Il Cucchiaio d'Argento on 25 agosto 2016.

Chiudi
Editoriale Domus