Farina di farro

Farina di farro

Il nome comune di farro viene utilizzato per indicare tre diversi cereali: il Triticum monococcum, il Triticum dicoccum e il Triticum spelta. Prende anche il nome di frumento vestito perché, come il riso, ha bisogno di essere decorticato per eliminare il glume che ricopre i chicchi.

Caratteristiche

Si tratta del cereale meno calorico sul mercato, ma che si caratterizza per l’elevato contenuto in selenio e acido fitico, dal potere antiossidante.

Impieghi

La farina di farro viene tipicamente utilizzata per produrre il pane, in particolare nelle zone del centro Italia dove è più radicata la sua coltivazione, come Toscana, Marche e Umbria. Il pane che se ne ricava ha un profumo molto intenso e caratteristico. Visto l’elevato contenuto di fibre, si configura come prodotto saziante e che aiuta a regolarizzare l’intestino. La farina di farro viene anche comunemente utilizzata per la produzione di pasta e di dolci.

Ricette

Crostata senza zucchero

Focaccia all’olio delle tre farine

Muffin alle olive

Tartellette di farro



Commento

This post was last modified by Sara Viterbi on 4 maggio 2016.

  • 4 maggio 2016 @ 15:57:56
  • 4 maggio 2016 @ 15:57:28 [Salvataggio automatico]
  • 3 maggio 2016 @ 10:11:47

This post was created by Il Cucchiaio d'Argento on 3 maggio 2016.

Chiudi
Editoriale Domus